Alba, neve forse a fine mese, piazza Duomo si attrezza

alba neve

Alba si tiene pronta con 15 ditte, 27 mezzi e 12 spalatori

Fa più freddo, ma la neve resta lontana da questo inverno.

«Pare – commenta il sindaco Marello – che avremo neve, anche in modo generoso, per la fine di gennaio. In ogni caso tutto è pronto per fronteggiare la situazione. Il piano neve è stato approvato sia per quanto riguarda i turni straordinari del nostro personale in caso di necessità, sia per ciò che concerne gli adempimenti tecnici relativi allo sgombero della neve, ai trattamenti antigelivi e al ripristino della viabilità».

La rete viaria è stata suddivisa in settori e affidata a 15 ditte che possono mettere in campo 27 mezzi tra spazzaneve, autocarri, piccoli “Bob Cat” e 12 spalatori. In caso di necessità la dotazione può essere ampliata con altri 5 mezzi “a chiamata” e 10 spalatori. Gli spazzaneve provvederanno al ripristino della viabilità sulle strade cittadine, d’accesso e nelle frazioni. Negli spazi più piccoli, marciapiedi e controviali, saranno all’opera i piccoli “Bob Cat” opportunamente attrezzati di lama e pala, mentre gli spalatori provvederanno a completare il lavoro dei mezzi d’opera e alla pulizia degli ingressi dei siti ospitano uffici e siti di pubblico interesse come scuole, ospedale, uffici comunali. Spetterà invece ai privati il compito di provvedere alla pulizia delle proprie pertinenze: ingressi condominiali, d’abitazione, cortili, attività commerciali e così via.

«Perché sia possibile ottimizzare il lavoro dei mezzi spazzaneve e spargisale – sottolinea l’assessore ai Lavori pubblici Alberto Gatto – è indispensabile che i cittadini collaborino rispettando il divieto di sosta nelle vie pubbliche secondo le indicazioni rese note dal Comune».

Per quanto riguarda la spesa, non è disponibile per ora un dato certo.

«La cifra – spiega l’architetto Daniela Albano, responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune – sarà fissata nei prossimi giorni con l’attribuzione del capitolo di bilancio e relativo ammontare».

Allo stato, sulla base del dato storico, la spesa media per interventi nel corso di una nevicata non straordinaria è nell’ordine dei 50mila euro.

L’unico dato certo è quello relativo alla spesa prevista per pagare gli straordinari al personale del Comune addetto ai turni di vigilanza e reperibilità in caso di precipitazioni. I turni sono previsti per il periodo 3 dicembre-3 marzo. Per il periodo compreso tra il 3 e il 31 dicembre sono previsti compensi per 4.360 euro. Per il restante periodo di vigilanza e disponibilità sono stati accantonati 9.360 euro.

Beppe Malò