dal PiemonteAttualità

Alba: l’ex sindaco attacca la Regione sull’emergenza peste suina

La peste suina africana rischia pericolosamente di estendersi anche nell’astigiano e nel cuneese. Lo ha affermato ieri il Commissario per l’“emergenza peste suina africana”, annunciando che servirà una seconda rete per contenere il virus che si sta velocemente spostando verso il territorio cuneese. Una seconda barriera dovrebbe interessare anche l’astigiano e la Granda.

«Mi pare – dichiara in un comunicato il consigliere regionale Maurizio Marello, esponente Pd ex sindaco di Alba – che in questi mesi la Regione Piemonte non abbia affrontato nel modo adeguato questa emergenza. La soluzione della rete protettiva – che è costata parecchi milioni di euro- si è rivelata sostanzialmente inefficace al contenimento della peste suina. Se dovesse estendersi anche nell’astigiano e cuneese, tenuto conto dell’elevata presenza di allevamento di suini, sarebbe un disastro economico di enormi proporzioni tale da mettere in ginocchio un intero settore. La Giunta regionale dovrebbe invece aumentare le risorse, verificare la possibilità di anticipare i fondi europei e prevedere una massiccia campagna di abbattimento dei cinghiali». 

«E’ allarmante – sottolinea ancora Marello – che gli atti della Giunta Cirio si limitino a tavoli di lavoro e a riunioni e che gli esponenti al governo del Piemonte, invece di assumersi le proprie responsabilità, tentino di scaricare le colpe sull’Europa o sul commissario. Per gli abbattimenti nei mesi scorsi ho invocato l’intervento dell’esercito: mi fa piacere che nelle scorse settimane lo abbiano fatto anche talune organizzazioni agricole. Come opposizione continueremo in tutti i modi ad offrire la nostra collaborazione, ma di fronte ad una simile emergenza occorre cambiare marcia a Torino come a Roma».

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button