ALBAAttualità

Alba: il progetto di riqualificazione del muro di confine dell’ex Caserma Govone sarà finanziato con 45 mila euro del “Bando distruzione” della Fondazione Crc

 sarà finanziato con 

Il progetto di riqualificazione del muro di confine dell’ex Caserma Govone sarà finanziato con 45 mila euro del “Bando distruzione” della Fondazione Crc. C’è anche il Comune di Alba tra i nove che si sono aggiudicati un finanziamento da parte della Fondazione grazie ai voti dei cittadini.

L’intervento prevede la demolizione dell’alto muro di cinta in cemento armato che delimita lo spazio tra corso Europa e il cortile delle scuole del liceo scientifico “L. Cocito” e del liceo artistico “P. Gallizio”. La struttura, nata per essere provvisoria, non consente la vista da e verso le scuole, separando completamente il fabbricato di pregio architettonico e la città, su uno dei corsi più frequentati alle soglie del centro storico.

Il progetto ha un duplice obiettivo: distruggere la bruttura di tale paratia cieca e impattante e ripristinare la bellezza del contesto paesaggistico e ambientale, tramite la realizzazione di una nuova recinzione che consentirà la visione dell’intera area retrostante.

Il Bando Distruzione quest’anno ha messo a disposizione 500 mila euro per riqualificare alcuni angoli della provincia che versano in stato di abbandono o degrado, attraverso interventi di distruzione o mitigazione. Nelle tre passate edizioni ha sostenuto 29 progetti (4 demolizioni, 7 interventi di arte pubblica, 8 riqualificazioni) con oltre 1 milione di euro di contributi: tutti gli interventi sono visibili sul sito www.bandodistruzione.it

L’Amministrazione albese ringrazia i cittadini per il supporto grazie a cui il progetto ha superato quota 1800 voti, i dirigenti e gli organi scolastici per la preziosa collaborazione, la Fondazione Crc per il sostegno che in questi anni non ha mai fatto mancare alla città. E’ grande la soddisfazione per un intervento importante che migliorerà e abbellirà una parte di Alba molto frequentata, in particolare dagli studenti.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button