Alba: estetisti e parrucchieri possono decidere di restare aperti martedì 2 giugno

Alba: estetisti e parrucchieri possono decidere di restare aperti martedì 2 giugno

ALBA – Estetiste e parrucchieri albesi potranno rimanere aperti, ovviamente a loro discrezione, martedì 2 giugno, Festa della Repubblica. Il sindaco Carlo Bo ha firmato l’autorizzazione, accogliendo l’appello del gruppo consigliare Alba Domani e di Confartigianato Cuneo, in deroga all’ordinanza entrata in vigore il 17 luglio 2018 che prevede per queste categorie chiusure obbligatorie la domenica e i giorni festivi.

Siamo contenti di poter venire incontro alle esigenze delle attività albesi – dichiara il sindaco Carlo Bo -. L’obiettivo è permettere loro una giornata in più di lavoro dopo i mesi di lockdown e le attuali restrizioni che costringono a limitare il numero di clienti per garantire la massima sicurezza”.

I consiglieri comunali Daniele Sobrero, Gionni Marengo, Mario Fugaro e Clelia Vezza del gruppo Alba Domani: “Mentre negozi, bar e ristoranti durante il ponte hanno facoltà di rimanere aperti, senza questo provvedimento parrucchieri e centri estetici non avrebbero potuto lavorare nonostante le molte richieste da parte della clientela. Oltretutto fino a martedì, con le frontiere regionali ancora chiuse, molte persone rimarranno in città, avendo così la possibilità di poter usufruire di questi servizi”.

 Per tutta la durata del “ponte”, da domani, sabato 30 maggio, a martedì 2 giugno, in sinergia con l’Associazione Commercianti Albesi si è decisa una quattro giorni di negozi aperti e parcheggi blu gratuiti per incentivare il commercio e il ritorno a una città viva, sempre nel rispetto del distanziamento sociale e delle norme in vigore.

Si ricorda inoltre che la Regione ha stabilito che da oggi, venerdì 29 maggio, fino a martedì 2 giugno è obbligatorio l’uso della mascherina in tutti i luoghi pubblici all’apertoma solo all’interno dei centri abitati e nelle aree commerciali. L’obbligo non è valido per i bambini sotto i sei anni, per i soggetti con forme di disabilità o con patologie non compatibili con l’uso continuativo dei dispositivi di protezione individuale. Non è obbligatorio indossarla mentre si pratica attività sportiva e motoria. Per quanto riguarda, invece, le attività di ristorazione l’uso della mascherina non è obbligatorio per chi siede ai tavoli di un locale, sia all’interno che all’esterno nei dehors.

Contatta l'autore

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Ti potrebbero interessare anche:

Apri chat