Alba: emergenza Coronavirus, guardare al futuro con fiducia rispettando le regole

Alba: emergenza Coronavirus, guardare al futuro con fiducia rispettando le regole

ALBA – “Il numero degli albesi positivi è sceso, continua a crescere quello dei guariti e rimane stabile il dato dei decessi – dice il sindaco Carlo Bo –. Numeri incoraggianti che ci fanno guardare al futuro con fiducia. Solo tra qualche settimana potremo capire l’andamento del contagio dopo la fine del lockdown. Ognuno di noi, però, può fare la sua parte sin da ora, continuando a prestare la massima attenzione e a rispettare le regole”.

Nella città di Alba i residenti attualmente positivi al Coronavirus sono 17, i decessi di persone affette da Covid-19 sono 8 mentre i guariti 57.

 Si ricorda che è obbligatorio per tutti i cittadini sull’intero territorio regionale l’utilizzo di protezioni delle vie respiratorie nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto, e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire il mantenimento della distanza di sicurezza. Sono esonerati i bambini al di sotto dei sei anni, i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo delle mascherine o i soggetti che interagiscono con i predetti.

La diffusione del contagio si può evitare con i giusti comportamenti di ciascuno, pertanto si rammenta di:

– Non recarsi in ambulatori e punti di erogazione dei servizi sanitari, salvo urgenze, ma di telefonare preventivamente al proprio medico;

– Riferire con completezza le informazioni su contatti e soggiorni potenzialmente a rischio.

 

Le persone anziane o affette da patologie croniche e con stati di immunodepressione congenita o acquisita sono caldamente invitate a non uscire dalla propria abitazione, se non per urgenze, e in tali circostanze a evitare luoghi affollati e contatti stretti con altre persone.

 

Si ribadisce, nuovamente, l’importanza delle misure di prevenzione igienico sanitaria:

1. lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;

2. evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

3. evitare abbracci e strette di mano;

4. mantenere, nei contatti sociali, una distanza interpersonale di almeno un metro;

5. praticare l’igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

6. evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;

7. non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

8. coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

9. non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

10. pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

11. è fortemente raccomandato in tutti i contatti sociali, utilizzare protezioni delle vie respiratorie come misura aggiuntiva alle altre misure di protezione individuale igienico-sanitarie.

Contatta l'autore

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Ti potrebbero interessare anche:

Apri chat
Powered by