ALBAAttualità

Alba, ecco il libro dei sogni del 2023, Il Comune approva le grandi opere da finanziare per il prossimo triennio

ALBA – La Commissione urbanistica ha discusso il contenuto del piano triennale delle opere 2023-2025 con particolare riferimento agli interventi di valore pari o superiore a 100mila euro previsti per il prossimo anno. L’approvazione del piano è indispensabile dal punto di vista contabile in quanto l’elenco – nel quale però non compaiono gli interventi “sottosoglia” – deve corrispondere alla disponibilità delle risorse che il Comune conta di potere utilizzare. Il piano vale complessivamente 1.392.500 eu­ro, prevede l’utilizzo di risorse in arrivo dagli oneri di urbanizzazione (poco meno di un milione di euro) e dalla monetizzazione di servizi.

Naturalmente, qualora dovessero presentarsi delle criticità impreviste, il piano 2023 potrà essere variato. Per quanto attiene alle linee guida utilizzate per la compilazione è stato deciso di considerare come prime voci la manutenzione del patrimonio edilizio del Comune e il completamento dei lavori già in atto. In subordine sono stati presi in considerazione le opere con finanziamenti da privati e i nuovi progetti. Dal punto di vista operativo gli interventi previsti per l’edilizia scolastica riguardano la Scuola Fenoglio, la Primaria Sacco, le Medie Vida e Pertini. Nel primo caso s’interverrà sul miglioramento della fruibilità delle aree esterne e nel secondo sui serramenti e l’efficientamento energetico.

Alla Vida si lavorerà sulla facciata e alla Macrino sui camminamenti e le aree esterne. Per quanto riguarda il contenimento del dissesto geologico del territorio saranno investiti 100mila euro per interventi di pulizia dei torrenti Riddone, Seno D’Elvio, Cherasca Verdero. Un’ulteriore spesa di 150mila euro consentirà, a San Cassiano in strada Gamba di Bosco, di porre in opera uno scolmatore che migliorerà la capacità dei canali di drenare l’acqua meteorica. Un secondo intervento sarà attuato in strada di Mezzo dove sarà posato in opera uno scolmatore adiacente i campi da tennis della Ferrero. Anche in questo caso la scelta è dettata dalla necessità di mettere in sicurezza un’area spesso sede di allagamenti nel caso di forti precipitazioni. La stessa cifra sarà messa a bilancio per intervenire sui locali e nell’area dell’ex mattatoio. L’Amministrazione ritiene infatti che l’area possieda importanti potenzialità da mettere al servizio della città. Si lavorerà quindi (anche se 100mila euro di dote non consentiranno grandi slanci), per farne un centro polifunzionale, per iniziative culturali, per l’utilizzo da parte dei Borghi, per eventi folcloristici.

Alla voce illuminazione pubblica si trova il progetto di completare l’impianto di Salita Gino Rocca, di via Donizzetti, di viale Cherasca e della passerella ferroviaria che collegherà la stazione ferroviaria e corso Banska Bystrica. Ancora una volta 100mila euro saranno disponibili per interventi agli impianti sportivi cittadini. Saranno effettuati al campo di calcio di via dell’Acquedotto, al Palatanaro e per il campo da calcio dell’impianto Augusto Manzo di San Cassiano, principale impianto sportivo della città. Molti spunti (ma pochi soldi disponibili) per intervenire secondo le intenzioni del Piano eliminazione barriere architettoniche in città. La volontà è quella di intervenire in strada Rorine, corso Piave, piazza Prunotto e in corso Banska Bistrika. Saranno migliorati e resi più sicuri i marciapiedi, mentre in piazza Prunotto sarà tracciata un’area con parcheggio a lisca di pesce. In materia di aree verdi il piano d’interventi per il 2023 prevede una spesa di 150mila euro che sarà messa a disposizione per il miglioramento delle aree gioco dei parchi cittadini e per il trasloco dell’area skate, attualmente in H Zona, nella nuova sede di Parco Tanaro essendo la situazione attuale incompatibile con l’insediamento della nuova caserma dei Vigili del Fuoco e con la realizzazione dell’area di servizi dedicati ai disabili che sarà costruita nell’ex scuderia dalla Caserma Govone. Il lungo elenco si chiude con gli interventi che avranno per oggetto la viabilità cittadina.

Il piano prevede tre aree d’intervento (anche in questo caso si tratta di 150mila euro): il parcheggio presso la stazione ferroviaria del Mussotto che sarà ampliato di 17 stalli per auto e 4 per moto; viale Masera e area C4.4 dove saranno realizzati parcheggi a raso e un collegamento diretto tra le due aree principali del cerchio; via Margherita di Savoia dove saranno messi in atto più interventi per migliorare la viabilità di una zona ad alta intensità abitativa.

Sponsorizzato

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button