ALBAAttualità

Alba commemora l’eccidio del 12 settembre 1943

L’Associazione Beato Giuseppe Girotti, in collaborazione con la Città di Alba e il “Centro Culturale San Giuseppe” invitano la cittadinanza domenica 15 settembre 2019, alle 10.00, nell’area dell’ex Caserma G. Govone, in corso Piave, saranno poste due corone di alloro per ricordare il martirio di Luigi Rinaldi, prima vittima della Resistenza al nazifascismo e dei quattro soldati uccisi nel corso dell’occupazione tedesca della caserma, il 12 settembre 1943.

Rinaldi era andato a cercare il maggiore dei suoi sette figli, militare ad Alba, per avere notizie e consegnargli del cibo.

Il 12 settembre ad Alba si ebbe anche il primo atto della resistenza: il tenente Leonardo Cocito e il tenente La Verde convinsero numerosi militari a fuggire con un automezzo carico d’armi, formando un primo nucleo partigiano.

La popolazione albese fu in prima linea con il vescovo Luigi Maria Grassi per il conforto e liberazione dei prigionieri.

Altri miliari, dichiarati malati dal dottor Carusi e già stipati in vagoni ferroviari pronti alla stazione di Alba per i campi di concentramento, furono liberati.

 

Sarà distribuito gratuitamente agli intervenuti una pubblicazione che illustra e descrive gli avvenimenti del 12 settembre 1943.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button