Alba: Accordo tra  Comune, Banca d’Alba e A.C.A. a sostegno delle imprese colpite dall’emergenza Coronavirus

Alba: Accordo tra  Comune, Banca d’Alba e A.C.A. a sostegno delle imprese colpite dall’emergenza Coronavirus

ALBA –  Una nuova, incisiva azione a favore delle imprese danneggiate dall’emergenza Coronavirus è stata messa in campo da Comune di Alba, Banca d’Alba e Associazione Commercianti Albesi che venerdì 3 aprile 2020 hanno siglato uno specifico protocollo d’intesa.

         Le attività associate all’A.C.A., in crisi di liquidità per i mancati incassi di questo periodo di chiusura e con necessità di ottemperare a pagamenti urgenti, potranno avvalersi di una speciale misura denominata “Finanziamento per le aziende – Finalità liquidità”.

         La misura prevede un finanziamento fino a 60.000 euro, garantito dal Fondo Centrale di Garanzia. La durata massima è di 60 mesi (5 anni), con il versamento della prima rata solo dopo nove mesi dall’erogazione. Per i primi 24 mesi sarà applicato il tasso zero, mentre per il restante periodo sarà applicato il tasso fisso 0,90%. Non sarà applicata alcuna ulteriore spesa.

Il costo delle pratiche di richiesta della garanzia (euro 350,00) verrà interamente sostenuto dal Comune di Alba e dall’Associazione Commercianti Albesi per le imprese con sede nel territorio comunale di Alba; per le imprese site nei comuni del territorio di Langhe e Roero l’intero costo sarà a carico dell’A.C.A.

“Non possiamo dichiarare finita l’emergenza sanitaria, ma dobbiamo già confrontarci anche con quella economica – dichiara il Sindaco di Alba Carlo Bo – e quindi è indispensabile individuare immediatamente percorsi di supporto per ripartire. La nostra città, così come l’intero territorio, sono diventati un’eccellenza mondiale grazie all’impegno delle tante imprese qui insediate; adesso tocca a noi istituzioni fare tutto il possibile perché possano proseguire il loro lavoro che è fonte di ricchezza per la cittadinanza tutta.”

Il Presidente di Banca d’Alba, Tino Cornaglia: “E’ il momento di “fare rete” con le istituzioni e le associazioni di riferimento del territorio per fornire soluzioni immediate e concrete alle famiglie e alle imprese, con l’obiettivo di ripartire presto. Noi ci siamo e faremo la nostra parte”.

“Grazie ai partner dell’iniziativa – spiega il presidente A.C.A. Giuliano Viglione – possiamo dare un sostegno tangibile alle tante imprese che in queste settimane non possono incassare ma si trovano a far fronte a spese fisse e improcrastinabili. Procurare alle aziende denaro ad un costo simbolico è una priorità che può fare la differenza nel periodo di chiusura, insieme ad altre iniziative già intraprese, in attesa di misure concrete per la ripartenza che purtroppo stanno tardando a giungere dalle istituzioni”.

Contatta l'autore

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Ti potrebbero interessare anche:

Apri chat