Alba: 95mila euro dal Ministero dell’Interno per sviluppare il sistema di videosorveglianza

192

Le casse del Comune albese tintinnano di 95mila, 200 euro che rappresentano il finanziamento, chiesto ed ottenuto, per l’implementazione dei sistemi di videosorveglianza cittadina. Il Ministero dell’Interno, infatti, di recente ha accordato il 40% di cofinanziamento del progetto del costo totale di 238 mila euro per l’installazione di telecamere di sicurezza pubblica. Il restante importo di 142 mila e 800 euro è a carico dell’Amministrazione.

Il bando del Ministero dell’Interno prevedeva uno stanziamento complessivo di 37 milioni di euro. In graduatoria sono entrati 428 comuni su 2.426 domande.

Per un maggior controllo e per garantire la sicurezza della cittadinanza, ad aprile scorso, l’Amministrazione di Alba ha approvato una delibera per la presentazione al Ministero di una proposta progettuale su un impianto di videosorveglianza urbana integrata attraverso il potenziamento di questa, insieme alla “Tracciabilità targhe con collegamento al Ced ministeriale”.

Il progetto prevede l’implementazione del sistema attuale e l’interazione con le sale operative della Questura di Cuneo e del Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, anche attraverso sistemi mirati di tracciabilità delle targhe automobilistiche. Inoltre, assicura la rilevazione degli incidenti stradali sul territorio, di competenza comunale,  durante l’orario di servizio, dalle 7.30 alle 20, sette giorni su sette. Prevede altresì di sviluppare azioni di prevenzione sulla sicurezza attraverso campagne informative, telecamere, incremento illuminazione pubblica, recupero e risanamento di aree degradate,  miglioramento delle condizioni di viabilità, insieme ad ogni altra azione utile ad aumentare il senso di sicurezza dei cittadini.