ALBAAttualità

Al via Keep Clean and Run 2021, la corsa per la pace e l’ambiente di Roberto Cavallo

Dal 23 al 29 aprile, lungo un percorso di 416 km.

Il “KCR” – Keep Clean and Run for Peace 2021 – la corsa di Roberto Cavallo nata nel 2015 per sensibilizzare contro l’abbandono dei rifiuti ha preso il via venerdì scorso 23 aprile da Montignoso in provincia di Massa Carrara e, in 7 tappe e 416 km totali, raggiungerà Rimini con un viaggio attraverso l’Appennino lungo la linea Gotica nei giorni del settantaseiesimo Anniversario della Liberazione dal Nazi-fascismo.

Keep Clean and Run è un percorso, giunto nel 2021 alla settima tappa, per incontrare persone ed amministrazioni, portando in dono una bandiera che è simbolo della volontà di curare il proprio territorio e di lottare contro il degrado e l’abbandono dei piccoli rifiuti nell’ambiente, quei rifiuti che dall’entroterra arrivano al mare e causano circa il 70% del problema del “marine littering” mettendo i nostri mari a rischio di contenere più plastica che pesci.

Roberto Cavallo negli ultimi 6 anni ha corso, pedalato e raccolto rifiuti a terra lungo tutta l’Italia e per alcuni tratti nei Paesi confinanti per portare un messaggio di attenzione al nostro ambiente correndo, come un novello Filippide, per parlare di pace e di rispetto del nostro ambiente.

Correre significa incontrare e ascoltare i racconti, ancora vivi di chi abita i luoghi di confine, vedere i resti di ciò che è stato, raccogliere immagini e frammenti di vita familiare, oltre che i resti di chi abbandona rifiuti.

Dal 23 aprile al 29 aprile Roberto Cavallo e il Team di Keep Clean and Run toccheranno dunque i luoghi più significativi della seconda guerra mondiale, passando in paesi simbolo di quella resistenza che ha posto le basi per la nostra società, tra cui Sant’Anna di Stazzema e Montesole di Marzabotto e molte altre località dove ci sono stati combattimenti e rappresaglia sui civili tra esercito nazifascista in ritirata e partigiani al termine del secondo conflitto mondiale.

Una corsa per sensibilizzare e ricordare, ma anche un racconto dell’oggi e dello stato di salute del nostro territorio, con azioni concrete per contribuire a ridurre la presenza di rifiuti lungo i sentieri e le strade e, novità dell’edizione 2021, monitorare la qualità dell’aria lungo i 416 km percorsi, grazie ad uno strumento “Flow 2” che permette di monitorare con molta precisione temperatura, umidità relativa e livello di concentrazione dei seguenti inquinanti: PM1, PM2,5, PM10, NO2 e VOCs.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button