Al medico albese Massimo Foglia il 27° Premio Pertinace

176
La consegna. Del riconoscimento nell'ex chiesa dei Battuti ora centro culturale di Treiso

Ideato dall’associazione Publio Elvio Pertinace e voluto dal Comune di Treiso, il 27° Premio Pertinace ha assunto quest’anno tratti di diversità rispetto alle edizioni precedenti. Non più organizzato nella sede della Cantina Pertinace, infatti, l’evento si è svolto a Treiso per un motivo fondato: l’incontro è stato dedicato, oltre che alla consegna del riconoscimento, anche all’inaugurazione del busto bronzeo dedicato all’imperatore Publio Elvio Pertinace, posto all’ingresso del paese.

La cerimonia si è poi spostata all’interno dell’ex chiesa dei Battuti, ora centro culturale, per la premiazione vera e propria. Le motivazioni che hanno portato alla scelta del dott. Massimo Foglia come assegnatario del premio 2018 sono strettamente legate alle sue attività di volontariato: collaboratore e amico di Claretta Gagna, anch’essa insignita in passato del Premio, il dott. Foglia, già direttore del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Alba,  ha svolto e continua a svolgere attività di sostegno professionale volontario rivolto alle popolazioni bisognose del Messico insieme a un’ostetrica, ad un’anestesista e a un infermiere. Al dott. Foglia è stata donata, insieme alla targa a ricordo, una bottiglia in formato magnum di Barbaresco Marcarini Docg Pertinace dell’annata 2014.

Dice Cesare Barbero, direttore della Cantina Pertinace: «Siamo particolarmente fieri, quest’anno, di poter partecipare in qualità di sponsor. Sentiamo l’attività di volontariato da sempre intrapresa dal dott. Foglia come particolarmente vicina ai valori che i nostri soci fondatori nel 1973 avevano condiviso fortemente, tanto da inserirli nello statuto che sancisce la nascita della cantina: legami fondati sull’amicizia, sulla fiducia, sulla collaborazione, mirati al raggiungimento del  bene di ciascuno, singolarmente, e della collettività intera».