ALBAAttualità

Al circolo Acli di San Cassiano ad Alba oltre 50 percorsi lavorativi per disabili negli ultimi 5 anni

ALBA – Il circolo US Acli LISPORT di Alba, presso il centro sportivo del quartiere San Cassiano, festeggia nel 2022 i primi cinque anni di gestione degli impianti e del progetto sociale che ha permesso, in questo lasso di tempo, l’inserimento lavorativo di 39 persone svantaggiate e, per il 2022, ha in previsione di attivare 13 contratti.

Lorenzo Cane, presidente del circolo ci racconta: “Il circolo fu fondato nel 1967 da don Gianoglio, il quale cercò di dare sostegno e aiuto alle persone in difficoltà, all’epoca le fasce di popolazione più povera, in un periodo di boom economico. Oltre al circolo, fondò anche la scuola professionale APRO che formava e forma tuttora i lavoratori per le aziende del territorio. Dopo 50 anni, nasce il nostro progetto sociale che ha permesso e permetterà alle persone con disabilità di intraprendere un percorso lavorativo utile sia per il loro benessere psico-fisico sia per il centro tutto”.

Il progetto nasce nel 2017 grazie ad un consorzio di cooperative di Alba, Sinergie sociali e AstroLavoro, in collaborazione con l’US Acli. Nel tempo si è creata una importante rete di sostegno al progetto che vede in campo il Consorzio Socio Assistenziale di Alba, Langhe e Roero, Apro Formazione, Consorzio CIS e ALS CN2 e, non ultima, la Diocesi di Alba, che da sempre sostiene il centro.

Oltre al centro sportivo, che conta una piscina, campi da tennis di cui uno coperto, un campo polivalente e uno di padel, è presente anche l’osteria sociale “MAGNANETA”, che propone una cucina tradizionale piemontese, con elementi originali.

Continua Lorenzo Cane: “A fine 2021 ci siamo resi conto che questi inserimenti lavorativi purtroppo non avevano un seguito oltre alla nostra realtà, ed ecco che è nato così un nuovo progetto di inserimento lavorativo in azienda, con il nostro supporto. L’idea è quella di diventare tramite tra aziende e persone con disabilità, dando ad entrambe un supporto utile. L’idea è piaciuta alle aziende e speriamo, entro breve, di poter inserire in una azienda due persone che avevano lavorato per noi. Un buon risultato che speriamo continui”.

L’US Acli LISPORT è riuscito in questo modo a unire tanti degli obbiettivi che si prefiggono le ACLI; in particolare oltre allo sport e alla socialità, la realtà riesce a garantire pari dignità e benessere psico-fisico alle fasce più deboli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button