Agroalimentare: confronto sul rapporto tra esportazioni e crescita

Il tema trattato in un workshop di Minerva Group presso il Resort La Madernassa

“Esportare per crescere o crescere per esportare?”: era questo il titolo del workshop che ha animato la giornata di giovedì 30 maggio presso il Resort La Madernassa, a Guarene, grazie alla scelta del Minerva Group Service, società consortile cooperativa, che eroga servizi professionali alle imprese a livello internazionale, di puntare il suo mirino sugli operatori del settore agroalimentare delle Langhe e del Roero.
L’evento si è svolto con il patrocinio di Confartigianato Cuneo e di Apro – impresa, un’occasione speciale per il territorio, cui ha preso parte anche il sindaco di Guarene, il giovanissimo neo eletto Simone Manzone, che ha dato il benvenuto al gruppo italo-svizzero, arrivato su suolo sabaudo per parlare di enologia, gastronomia e agroalimentare, tutti ambiti di sviluppo visti attraverso le richieste del mercato globale.
Come valorizzare la qualità eccelsa dei prodotti del territorio? Come certificarne e garantirne la provenienza e la sicurezza? Come comunicare in modo sistematico e professionale sui mercati internazionali in un mondo connesso dove tutto ha dimensione globale? A queste e ad altre domande si è cercato di dare una risposta, grazie al contributo di Stefano Michelotti, presidente di Minerva Group Service, ad Andrea Leonardi, vice-presidente, a Fabio Cefalì, general manager e ad Eliana Faccenda, responsabile e coordinatrice del riuscito evento, partendo però dal claim che ha animato la giornata langarola: la professionalità è fatta di competenze!
Sotto i riflettori sono finiti sei relatori d’eccezione: l’ingegnere Angelo Freni, Ceo Food Italy International, chiamato a parlare del ruolo delle norme per la certificazione; Davide Rolla, tecnologo alimentare esperto di sicurezza alimentare in particolare nel settore beverage; Lorenzo Saliu, esperto di comunicazione e di marketing, chiamato a spiegare come dare valore ad un brand oggi senza che questo ne perda i valori identitari; Davide Canosa, Ceo e Co-Founder di Cupture, che insieme a Maddalena Migliore, ha affrontato la spinosa questione di come trasformare la reputazione aziendale, soprattutto in un mondo come quello del web, ricco di insidie, dove gli haters sono dietro l’angolo; e Monica Lira, esperta nel mettere a punto strategie di impresa, a lei il compito di spiegare come valorizzare la conoscenza dei prodotti attraverso i canali turistici.
Una convention nazionale conclusasi con la certezza che anche per l’appuntamento internazionale, il Piemonte, le Langhe e il Roero, possano essere il migliore dei territori sui quali operare.

FOCUS

Grande successo della 25° edizione della Festa del Moscato

Venerdì 9 Agosto si è tenuta nella suggestiva barricaia Magnificant della Fratelli martini SpA la 25° edizione della Festa del Moscato alla presenza di 800 conferitori provenienti dalle zone di Barolo...

L’Oscar Green Coldiretti all’albese Massimo Prandi

Una cerimonia suggestiva e ricca di emozioni, all’insegna della valorizzazione delle avanguardie dell’agricoltura italiana, quella che si è tenuta lo scorso venerdì 25 luglio, presso i Giardini Reali ...

Agricooltour festiva passa da Myricae a Farigliano

  Agricooltour festival 2019 passa anche da MYRICAE! Il tour più bucolico che c’è, farà tappa al B&B di Farigliano (CN), giovedì 25 luglio alle 21, con un concerto acustico della cantautri...

GUARDIAMOCI INTORNO

Maleducati lordano il parcheggio: e la pulizia?

Una lettrice: E’ certamente colpa dei maleducati se il parcheggio che si trova tra il convento delle Clarisse e via Velso Mucci a Bra è ridotto sul bordo a una discarica. Ma ma...

Amministrazione nuova, problema vecchio

Un lettore: Visto che l’Amministrazione comunale è nuova, provo a sottoporle un problema vecchio, vecchissimo: quello della pista ciclabile di corso Monviso ridotta nello stato...

Quelle auto in sosta sulla pista ciclabile

Una lettrice: Parcheggio selvaggio direttamente in pista ciclabile nella zona tra il campo da calcio e le piscine alla Madonna dei Fiori: poi nessuno si lamenti se magari un bamb...
X