CHERASCOBRACRONACA

Addio a Giovanni Fogliato con lui ebbero origine i Magazzini Montello

BRA -L’azienda che lui ha creato ha dato lavoro a centinaia di persone e da ultimo ha donato perfino un campo da calcio ai giovani di Bra. Ma era partito da una dimensione assolutamente umile e domestica Giovanni Fogliato, il fondatore di Montello-Atlante, mancato ieri a 95 anni di età. Classe 1927, rimasto presto orfano di entrambi i genitori (la mamma morì che lui aveva appena un mese di vita, il papà lo lasciò solo 5 anni dopo) venne accolto all’Albergo dei Poveri Figli in via Vittorio Emanuele II. Fu lo zio nominato tutore che nel cortile di casa gli attrezzò uno spazio dove mettere a frutto le capacità nel frattempo apprese dal ragazzino mandato garzone da Allocco, una delle allora diverse e fiorenti attività dei calzolai locali. Sotto un porticato e dovendo adeguarsi anche agli orari consentiti dal coprifuoco in tempo di guerra, si dava da fare con il cuoio delle concerie. Ci sapeva fare e dalle scarpe per i parenti arrivò presto a ricevere commesse per clienti esterni. Ricordava che le prime venivano compensate in natura: prodotti della terra, pane, salumi, olio e a volte qualche fregatura utile anche a capire come purtroppo gira il mondo. La prima bottega tutta sua Fogliato la aprì quindi in via Pollenzo, poco lontano dall’orfanotrofio. Il salto da imprenditore venne con il laboratorio costruito accanto alla casa in cui dopo il matrimonio era andato ad abitare in periferia, in quella via Montello diventata anche il nome della ditta. Il primo punto vendita diretto e ancora qui presente fu aperto nel 1973. Il resto è storia di un’azienda che pur pensando in grande, arrivando alle vetrine popolari dei centri commerciali di Chieri (To) e Roreto di Cherasco, così come ad affermarsi sui mercati anche liguri e lombardi, ha sempre saputo mantenere le radici ben piantate nel ricordo delle origini: il rispetto del lavoro, dei collaboratori e dei clienti, la disponibilità alla solidarietà verso i meno fortunati, l’ispirazione della fede religiosa del suo capostipite che ha spesso collaborato con i Salesiani, realtà educativa e sociale cresciuta quasi insieme a Montello nel quartiere Oltreferrovia.

Oltre all’amata moglie Vittorina, compagna di una vita, Giovanni Fogliato ha lasciato i figli Roberto, Maria Agnese, Maurizio, Lucia ed Eliana con le rispettive famiglie, un nugolo di nipoti e pronipoti ai quali rimarranno il frutto del suo ingegno e soprattutto il suo esempio.

Il Santo Rosario sarà recitato martedì alle ore 20,30 nella Chiesa dell’Istituto Salesiano mentre i funerali si terranno mercoledì 27 aprile alle ore 10 nella Parrocchia di Sant’Andrea Apostolo in Bra.

Ai familiari giungano le più sentite condoglianze da parte di tutta la Redazione del Corriere di Alba e Bra.

(vedi manifesto di lutto)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button