ALBACRONACA

Addio a Giordana Lavelli: la prof che tutti amavano

Dolore per l’improvvisa scomparsa di Giordana Lavelli. Professoressa da poco in pensione era diventata un punto di riferimento per intere generazioni di studenti. Iniziò giovanissima alla Scuola Enologica insegnante nel corso di Scienze, quindi il ruolo presso l’Istituto Einaudi e il trasferimento all’Arte Bianco di Neive, dove ha completato la sua carriera scolastica.

Era una persona ben apprezzata, sportiva e giovanile, amante della montagna, dove praticava con costanza l’alpinismo.

Appena un mese fa, ricoverata per una frattura al femore, ha scoperto la malattia che l’ha portata via in pochissimo tempo. Un brutto male che lei ha cercato di combattere, anche quando è stata trasferita all’Hospice di Bra per le cure palliative. Alcuni amici ci raccontano che lei stessa chiedeva di abbassare la quantità di anestetici per poter essere autonoma. Purtroppo inesorabilmente il cancro l’ha aggredita, portandola via ai suoi cari: la figlia Ludovica con Gianluca e il nipote  Damiano, e il fratello Massimo con la moglie Anna ed i figli Alberto Carlo, Monica e Roberto. Giordana aveva compiuto a settembre 66 anni.

La salma sarà esposta oggi e domani nella camera mortuaria dell’Hospice di Bra (dalle 8 alle 18) e da lunedì ad Alba nella sala del commiato di Boffano in corso Cortemilia. Le esequie si terranno martedì 9 ma alle 15 nella chiesa di Cristo Re. Il Rosario sarà recitato domenica sera alle 20.30 sempre in Cristo Re.

(vedi manifesto di lutto)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button