More
    spot_imgspot_img

    I più letti

    spot_img

    Leggi anche...

    Ad Alba l’ex San Lazzaro verso la rinascita

    spot_imgspot_img

    Nuovo, importante passo avanti per dare una nuova vita all’ex ospedale San Lazzaro di Alba. La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi, ha approvato la scorsa settimana il documento programmatico indispensabile per la sottoscrizione con il Ministero della Salute del nuovo accordo per la riqualificazione e il riuso dell’edificio. Un accordo che riguarda anche l’ex ospedale Santo Spirito di Bra. Si tratta complessivamente di un intervento da oltre 46 milioni di euro, interamente finanziato con risorse a fondo perduto. Ad Alba spetterà la fetta più grossa, pari a 25 milioni 946 mila euro, mentre 20 milioni 505 mila andranno all presidio di Bra.

     

    Come ha spiegato il presidente della regione Alberto Cirio nel commentare il nuovo passo avanti dell’accordo: «Il vecchio ospedale albese diventerà sede di servizi sanitari territoriali a disposizione dei cittadini di Alba e del territorio di Langhe e Roero per le prestazioni quotidiane meno complesse. In questo modo, oltre a recuperare un importante immobile, garantiamo la vitalità di questa importante area cittadina», conclude il presidente. In pratica, l’ex San Lazzaro – così come si farà anche per l’ex Santo Spirito braidese – verrà riqualificato in funzione della medicina territoriale.

    Significa che per le prestazioni che non necessitano di struttura ospedaliera, come la presa in carico delle patologie croniche, gli esami e le visite ambulatoriali, le attività clinico assistenziali dei medici di famiglia e i servizi amministrativi, potranno essere effettuate senza necessità di spostarsi dal proprio centro abitato. Nel dettaglio, il progetto di fattibilità presentato dall’Asl Cn2 prevede il recupero del fabbricato monumentale destinato a diventare ospedale di comunità, centrale operativa territoriale, servizi amministrativi, attività di formazione e Dipartimento di prevenzione, oltre alla realizzazione di un nuovo fabbricato da dedicare a Casa di comunità, attività clinico-assistenziali tra cui medici di medicina generale, continuità assistenziale, sede Distretto, ambulatori specialistici, Centro diurno psichiatria e Centro di igiene mentale.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    Dal Territorio