DoglianiLANGHELANGA DI DOGLIANIScuola

A settecento anni dalla sua morte, i ragazzi della II A di Dogliani celebrano Dante

DOGLIANI – Il 25 marzo 2020, il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro ai Beni Culturali Dario Franceschini, ha inaugurato una celebrazione dedicata al Sommo Poeta, Dante Alighieri, chiamandola Dantedì. È stata scelta proprio questa data perché tutti gli studiosi, da tempo, concordano che in quel giorno, nel 1300, sarebbe iniziato quel mitico viaggio nell’Aldilà narrato nella Divina Commedia.

Il 2021 è anche l’anno del settecentesimo anniversario di morte di Dante.

In un percorso didattico di rielaborazione e transcodifica linguistica di un testo letterario, la II A si è cimentata in un esperimento: trasformare in un fumetto alcuni noti episodi della Divina Commedia.

Il lavoro è stato particolare: iniziato in presenza e terminato in (didattica a) distanza. Nonostante le condizioni non facili, con rigore, forza e entusiasmo, gli alunni non si sono scoraggiati, dando il loro meglio.

Ecco alcune impressioni:

“Mi piacerebbe lavorare di nuovo abbinando letteratura e fumetto, perché si è maggiormente coinvolti. Aiuta nell’approfondimento degli argomenti e nella creazione di un’interpretazione personale”. – Matilde C.

“Per questo lavoro, abbiamo lavorato individualmente, ma per creare un fumetto partendo dalla letteratura è meglio collaborare a gruppi: ognuno può dare il proprio contributo per qualcosa più bello e completo. Purtroppo l’attuale situazione di distanziamento non sempre lo permette”. – Bassma S.

“Trasformare in un fumetto un’opera letteraria rende più facile capire l’opera stessa e si impara mentre ci si diverte”. – Greta M.

“Per preparare un fumetto di questo tipo non so se sia meglio un lavoro in gruppo o individuale. Personalmente preferisco i lavori di gruppo, perché mi posso confrontare con i miei compagni. In questo modo possiamo aiutarci a vicenda e trovare delle idee migliori. Disegnare è uno dei miei hobby preferiti e leggere i fumetti mi diverte. Unire queste due passioni alla letteratura mi sta aiutando a ricordare meglio quello che studio”. – Francesco P.

“L’esperienza del fumetto dovrebbe essere sempre abbinata alla letteratura, perché trasformare un’opera di scrittura in un fumetto, secondo me, è molto più interessante che farlo a caso”. – Paddy P.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button