ROERO NORDROEROMontaldo RoeroEventi

A Montaldo Roero una notte dedicata alle fate, alle streghe e ai folletti

Un evento unico nel suo genere, probabilmente un valore aggiunto per una Sinistra Tanaro che può e deve crearsi un suo ruolo attraverso il determinante connubio tra ambiente, spettacolo e inventiva pura. Torna così a Montaldo Roero il “Bosco Fatato”: peculiare kermesse ideata dall’associazione “Fate gli gnomi”, ma soprattutto grazie al genio di Fiorenza Adriano. L’e­vento avrà luogo nelle sere di sabato 6 e domenica 7 agosto, ogni volta dalle 20.30 a mezzanotte. Come spiega la stessa coordinatrice e “madre” della manifestazione, che ringrazia altresì i volontari che si sono messi a disposizione per la buona riuscita della due-giorni: «In un antico castagneto a ridosso del capoluogo saranno offerte ai visitatori due serate nella magia di una natura incontaminata, sotto alberi secolari, in compagnia dei personaggi delle fiabe. Ci saranno fate, maghi e streghe, nella scenografia delle opere realizzate dai soci dell’associazione». Cosa accadrà? Molto, moltissimo: ci sarà la possibilità di divertirsi, di sognare e di immaginare entrando nella casa fatata, salendo sulla zucca di Cenerentola, tentando il tiro con l’arco, scrivendo una lettera alle fate del bosco, o indossando i costumi da fate e folletti. Il tutto, in un allestimento interamente autoprodotto: e animato dai giovani attori della “Compagnia dei Germogli” e i “Musicant d’Alba”, e da tutti coloro che -e gli interpreti, basti pensare ai ragazzi della compagnia “Der Roche”, qui non mancano – vorranno dare una mano ad arricchire ancora di più le serate. Del resto, è la stessa Adriano che traccia le coordinate dell’evento: «Non è niente di strombazzante, altisonante, competitivo, super sponsorizzato. Si tratta di una cosa semplice. Ha alle spalle un lavoro immenso di anni, ma è una cosa semplice. Come quando i castagni allargano i rami carichi di foglie, le fate fanno piccoli scherzi, i bambini prendono due sedie e giocano a fare teatro, i genitori stanchi si siedono e ridono e nella notte pulsano piccole luci che rendono misterioso e confortante il sentiero. Il “Bosco Fatato” è famiglia. Sentitevi a casa, mettetevi comodi o collaborate, noi siamo quelli di “Fate Gli Gnomi”, siamo piccoli e siamo pochi, ma crediamo così tanto nella bellezza eterna e unica del Roero, nelle sue potenzialità umane e artistiche, che abbiamo il coraggio di esserci e di aspettarvi a braccia aperte». Consigliate calzature comode e una torcia per meglio affrontare il percorso in notturna: sarà presente anche un punto di ristoro curato dalla Pro Loco.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com