Dal CuneeseEventi

A Limone le ninfe di Osvaldo Moi danzano sulle note del concerto di Ferragosto

Nell’incantevole paesaggio alpino di Limone Piemonte (CN), avamposto della Via del Sale e delle Vie Marenche, apprezzato luogo di villeggiatura per chi ama l’aria buona e la frescura delle medie quote (1000 mt) in occasione del 42° Concerto di Ferragosto dell’Orchestra Bruni – quest’anno diretta dal maestro Nicolò Jacopo Suppa – si aggiungerà un abbellimento scenografico di grande impatto, nato per creare un connubio di allegria e bellezza tra forme, luoghi e suoni. Il gruppo scultoreo “Le Ninfe Leggiadre” realizzato da Osvaldo Moi ondeggerà tutt’uno con le vibrazioni del vento e la musica degli orchestrali, che eseguiranno un repertorio di forte appeal, capace di raccordare brani di Rossini, Mozart e Verdi unitamente all’ospitata di cantanti lirici di pregio, come il tenore Enrico Iviglia e la mezzosoprano Anna-Doris CapitelliChi non potrà assistere in presenza, potrà seguire il collegamento in diretta su Rai TG3 e Rai Italia, dalle ore 12.45 alle ore 14.00, il giorno stesso.Il gruppo scultoreo delle Ninfe si staglierà a ridosso del palco collocato nell’area di Capanna Niculin (1866 mt), con sei gioiose figure di bimbe danzanti che simboleggiano la rinascita sia di questo attesissimo appuntamento musicale – nuovamente aperto a tutti -, sia che della stessa Limone Piemonte, nota località montana della Val Vermenagna, duramente provata negli scorsi anni da pesanti vicissitudini climatiche ed idrogeologiche.

L’artista, noto in Italia e all’estero per il suo centinaio di esposizioni tra Francia, Germania, Svizzera, USA ecc, forgia  lontano dal frastuono urbano e nel suo tempo libero – giocose opere nel suo storico laboratorio limonese, proprio come un eremita, nella pace di questa magica valle. Moi è appena tornato da una esposizione annessa a un charity event dall’altra parte dello Stivale, in Sicilia (Palermo), presso l’affascinante spazio culturale Florio Hub ed è entusiasta di prendere parte a l’attesissima manifestazione piemontese

Mentre plasma con le sue mani le svettanti sagome che paiono volare nell’aria, lo scultore commenta: “Attraverso le Ninfe,  trasformo il concetto di scultura implicitamente statica, in opera in movimento. Faccio danzare gioiosamente nell’etere queste bambine e bambini, e in questo modo dò un respiro di felicità e un’idea di speranza per il futuro a chi le osserva.” “L’idea di esprimere la gioia della riconquistata libertà che esorcizza l’interminabile periodo di clausura forzata – conclude in un suo testo su Moi lo scrittore e studioso di simbologia Giancarlo Guerreri, “assume un grande valore etico ed artistico, che sembra voler sbeffeggiare un sistema autoritario e coercitivo che ha perso la propria tradizionale autorevolezza. Le bambine volano, sorridono, si proiettano attraverso i sogni e la speranza (intesa come valore), le loro grida sono le grida di tutti i bambini del mondo che esprimono la riconquista del proprio futuro, il più roseo che si possa immaginare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com