A Falchetto si «rifà» il centro d’incontro

281
Serramenti nuovi e “cappotto”. Per meglio coibentare questa struttura

Sono partiti nei giorni scorsi i lavori di riqualificazione energetica del centro d’incontro, circolo Acli e bocciofila di Falchetto frazione della piana agricola tra Bra e Ca­vallermag­giore. L’appalto as­segnato alla ditta torinese Lenta Antonio (che ha offerto un ribasso dell’8,50% sull’importo a base d’asta) costerà al Comune 175.289.45 euro oltre Iva. Buona parte di questo esborso sarà coperto da un contributo della Regione Piemonte.

L’assessore ai Lavori Pubblici Luciano Messa: «Abbiamo atteso qualche settimana in più rispetto alle previsioni dello scorso autunno per far partire il cantiere, siccome Falchetto ci aveva chiesto di poter mantenere la disponibilità della struttura per le festività tra Natale e Capodanno. Il cantiere dovrebbe concludersi in circa 90 giorni e siamo particolarmente lieti di quest’opera per tre motivi. Il primo è che andiamo a riqualificare un altro edificio pubblico offrendo ai suoi utenti miglior confort a fronte di una ridotta spesa in bolletta. Il secondo è che sarà rimosso il tetto in amianto, l’ultimo rimasto nel nostro patrimonio comunale. Il terzo, che si tratta di un presidio importante per un territorio periferico verso il quale dimostriamo attenzione concreta».

Oltre alla sostituzione dei serramenti, sulla bocciofila costruita negli anni Ottanta del secolo scorso verrà posato in opera un “cappotto” isolante.