A Dogliani commemorato l’anniversario del bombardamento aereo del 1944

0
31

DOGLIANI – Si è svolta nella mattinata di domenica 30 luglio la Commemorazione ufficiale delle Giornate del 31 luglio e 1° agosto 1944, anniversario del bombardamento aereo nazifascista su Dogliani e delle successive distruzioni incendiarie ad opera delle truppe tedesche.

L’intervento del sindaco Ugo Arnulfo.

“Quest’anno ricorre il 79° anniversario di un tragico evento che ci ricorda una pagina di violenza e distruzione insensata nei confronti della popolazione civile doglianese.
Infatti, durante gli anni drammatici della Seconda Guerra Mondiale, l’episodio più drammatico che colpì Dogliani fu il bombardamento aereo ad opera dei nazifascisti del 31 luglio 1944 e l’incendio ad opera delle truppe tedesche che il giorno successivo aggiunse altre vittime e altro dolore.
Il totale delle vittime del bombardamento e delle distruzioni tra il 31 luglio e il 1° agosto fu di 34 persone.
In quei giorni di terrore l’allora parroco Don Pietro Delpodio si prodigò con coraggiose iniziative, incurante del pericolo, offrendosi come ostaggio al comando tedesco, per evitare ulteriori conseguenze per la cittadinanza doglianese.
Oggi questa ci sembra una perentesi di cronaca lontana, che fatichiamo ad immaginare, percorrendo le strade e le piazze del nostro Comune.
Eppure, benché la storia dovrebbe insegnarci a non ripetere certe scelte scellerate, purtroppo, a poca distanza da noi, in Europa e nel Mediterraneo, si stanno rivivendo le stesse tragedie.
Per questo siamo qui uniti ad onorare le nostre vittime civili.
Ricordare il passato è un modo per provare a costruire un futuro migliore”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui