A Canale nuovo episodio di “Una vita, una storia”

0
17

CANALE – E’ in distribuzione – e molti, ormai lo hanno già apprezzato- il decimo capitolo per la saga letteraria di “Una vita, una storia”: con un nuovo volume della serie edita dalla Pro Loco di Canale, autentico impegno assunto appunto dieci anni fa dal sodalizio al fine di stimolare le giovani generazioni a riscoprire la propria storia e patrimonio culturale. Il tutto, nel segno di un motto: ossia, i racconti dei nonni raccontati dai nipoti. Che, come dice il curatore Gianni Morello: «E’ un’appassionata ricerca nel passato, nelle tradizioni e nella cultura popolare ad opera dei ragazzi della Leva 2010, che frequentano l’Istituto Comprensivo di Canale».

 

L’istituzione educativa ha infatti confermato il proprio pieno appoggio a questa iniziativa, che si propone altresì come uno “specchio dei tempi” e su quante sfaccettature possa avere il passaggio di testimonianze tra le generazioni. Buoni intenti, ma anche concretezza: come la presentazione sviluppata nell’Aula Magna della scuola, nei giorni scorsi. Nei quasi sessanta racconti di cui si compone l’interessante volume, c’è un po’ di tutto: si trovano le “radici” del Novecento roerino canalese, con i vissuti particolari e memorabili legati all’epoca del secondo conflitto mondiale, della Liberazione, della rinascita del territorio e dell’Italia. C’è il folklore, e c’è anche il senso dell’amore tra queste colline: ma ci sono anche le vicende in movimento di chi ha trovato a Canale una nuova casa, giungendo dal Marocco, dalla Romania (e chi, invece, aveva trovato in questo paese la propria rediviva patria, tornando poi in terra italica dopo un secolo), dal Bangladesh, dal Kosovo, dall’Albania, e che ha scelto di condividere queste storie. La capitale del pesco, in fondo, è un’insieme d’esperienze e di volti che diventano narrativa, un caleidoscopio che ha il sapore quasi letterario. Per chi volesse disporre del libro, potrà trovarlo presso l’edicola Farinasso di via Garibaldi o presso la tabaccheria Cavagnero di piazza Europa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui