LANGHELANGA DEL BELBONiella BelboCultura e Spettacoli

1 Maggio 2022 Inaugurazione a Niella Belbo della 9° edizione di “Forme e colori”

La mostra diffusa d’arte contemporanea Alba e Langhe.

Si svilupperà in dieci appuntamenti e in dieci località diverse la nona edizione di “Forme e colori”, la rassegna itinerante di arte contemporanea con organizzazione e cura da parte dell’ordine dei Cavalieri delle Langhe, su progetto di Ausilia Battaglia e Andrea Vero e contributo della fondazione CRC.

Inaugurata domenica 1° maggio a Niella Belbo la prima installazione, intitolata “Tempo spirito e luce” opera del giovane artista di Villastellone, Roberto Bruno.

Le opere rimarranno esposte al pubblico nei comuni coinvolti per tutta l’estate e parte dell’autunno e verranno presentate in occasione delle rispettive feste patronali.

A Niella Belbo la bella ruota formata da quattro figure umane si staglia nel cielo di Langa esprimendo un forte allegoria e un messaggio forte: la continuità fatta dalle persone: continuità dell’uomo e tra gli uomini. Risulta ben visibile, essendo posizionata sulla sommità del poggio su cui sorgeva l’antica fortificazione dei Del Carretto.

Alla cerimonia erano presenti il sindaco di Niella Belbo Emanuele Sottimano, il sindaco di Bosia Ettore Secco, il consigliere CRC Massimo Gula, la curatrice Ausilia Battaglia e l’artista Roberto Bruno, che ha tagliato il nastro davanti a un pubblico numeroso e incuriosito dall’evento.

I dieci comuni coinvolti sono Diano d’Alba, Albaretto della Torre, Bergolo, Niella Belbo, Mombarcaro, Sale San Giovanni, San Benedetto Belbo, Bossolasco, Serravalle Langhe, Grinzane Cavour.

Proprio nel castello di Grinzane, il 9 settembre prossimo, si terrà la festa dove artisti e autorità dei comuni ospitanti si ritroveranno per una serata all’insegna dell’arte contemporanea.

L’infaticabile organizzatrice Ausilia Battaglia, dichiara soddisfatta:

“Anche in questa nona edizione il nostro intento è quello di far incontrare i luoghi magici delle nostre Langhe con artisti bravissimi e con le loro opere, in un dialogo armonioso fra paesaggio, architettura e arte. La modalità dell’esposizione diffusa permette al turista e al visitatore, di spostarsi e conoscere realtà diverse, trovando nella Bellezza, pace e ristoro per lo spirito”.

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button