Pompei: riemerge l’ultimo “fuggiasco”

0
24

Stava scappando dall’eruzione del Vesuvio ma non ce l’ha fatta: un masso di 300 kg lo ha colpito, decapitandolo, E’ successo nel 79 d.C e la vittima era un 35enne con una gamba malata, che forse contribuì a rallentarne la fuga: quando l’uomo uscì di casa fu investito dalla nube piroclastica, tra vicolo dei Balconi e vicolo delle Nozze d’Argento, nella Regio V. La terra aveva sommerso lo scheletro, quindi niente calco, mentre si cerca il cranio, sperando di potere ricostruire le sembianze dell’uomo.Alto 1 e 65,soffriva di artrosi. Su una tibia, tracce di un’infezione ossea. “Incredibile”, dice il titolare Mibact Franceschini.