La benedizione di Maria Ausiliatrice nel rione dei Salesiani

65
Alla partenza. La statua della Madonna con il clero e le autorità cittadine

La bellissima esperienza del camminare di notte nella città assieme con Maria. E’ successo ancora una volta in Oltreferrovia a Bra con la processione  di  Maria Ausiliatrice nel quartiere che ospita la Casa Salesiana.

Il suo direttore Bra, don Vincenzo Trotta, co parroci, confratelli e di una folla che ha contato anche le autorità civili e le confraternite dei Battuti Neri e dei Battuti Bianchi, ha guidato il corteo tradizionalmente conclusivo del mese di maggio. Lungo tutto il percorso, lunghi drappi bianchi e azzurri, ceri, fiori, piccoli altari, segni di devozione ad addobbare le case. Al rientro nell’Istituto “San Domenico Savio”, gli studenti del Centro professionale hanno offerto un rinfresco a base di dolci preparati artigianalmente. Ma prima, le belle parole pronunciate da don Vincenzo: «Da 59 anni, la gloria di Maria è stata portata anche nella realtà braidese, con lo stile, il carisma e l’identità di don Bosco che l’ha pregata e invocata. Stasera Maria Ausiliatrice è entrata nelle case di tutti i cittadini di Bra, lasciamoci prendere per mano da lei, non scoraggiamoci di fronte alle fatiche che tutti siamo chiamati a vivere. La Madonna ci risolleva e ci aiuta ad acquisire fiducia, speranza e carità. Don Bosco ci assicura che la Madre di Dio non si stanca di intercedere con noi e per noi, invochiamola e scopriremo che cosa sono i miracoli».