“ConTatto in rete”: è piaciuta la mostra di arteterapia

58
Una delle opere. Realizzate da studenti delle Superiori braidesi

Al Fondaco si è tenuta la mostra della 3ª edizione del progetto di arteterapia disabili: “ConTatto… in rete”, rivolto a ragazzi disabili delle scuole Superiori di Bra: l’Istituto “E. Guala”, il “Velso Mucci”, e il Liceo   “Giolitti –  Gandino”.

La mostra ha testimoniato e valorizzato il linguaggio artistico-creativo che questi ragazzi hanno sviluppato e maturato negli ultimi tre anni, ringraziando tutti coloro che hanno riconosciuto e sostenuto l’utilità, non solo in relazione ai benefici apportati ai partecipanti, ma anche al risvolto sociale di questa manifestazione. L’obiettivo è accogliere e rispettare sempre più le differenze, in particolare: il Museo Civico di Palazzo Traversa, con il quale da tempo queste scuole collaborano, la Fondazione Crb e il Comune di Bra, grazie al contributo del bando Vivo Meglio (Progetto Abili Talenti) della Fondazione Crt. E’ stata inoltre ringraziata Silvana Peira del “Fondaco” per la sua disponibilità a ospitare l’esposizione.

I laboratori artistici ai quali hanno preso parte i ragazzi, sono stati condotti, con il metodo dell’arteterapia, da Laura Boffa negli spazi del Museo civico di Palazzo Traversa, luogo che ormai da anni ospita questo percorso. In quello di quest’anno è stato trattato il tema della natura, dando origine a lavori che si rifanno all’opera di un artista contemporaneo, Giuseppe Rescigno, che ha collaborato al progetto mettendo a disposizione alcuni strumenti personali ed esponendo alcune sue opere insieme a quelle dei ragazzi.

La mostra ha offerto la possibilità di apprezzare la ricchezza espressiva delle forme e dei colori che caratterizzano le opere di questi giovani abili talenti e di quelle dell’artista che li ha ispirati.