Aggredì dipendente di Cherasco, imprenditore condannato a 10 anni

Aggredì dipendente di Cherasco, imprenditore condannato a 10 anni
Dieci anni di reclusione e 50mila euro di risarcimento provvisionale per la parte lesa. E’ la sentenza pronunciata in primo grado mercoledì scorso dal Tribunale di Cuneo, giudice Marcello Pisanu, Scarabello e Di Maio a latere, nei confronti di Giuseppe Sanino, 64 anni, co-titolare di una ditta di costruzione macchine agricole a Salmour. E’ accusato del tentato omicidio di un dipendente saltuario, un operaio rumeno di 47 anni residente a Cherasco, Petru Doloca. Egli fu colpito al collo con un coltello e poi inseguito brandendo una spranga. Avvenne in fabbrica lo scorso maggio e solo l’intervento del fratello-socio del Sanino, Biagio, impedì esito ancor peggiore per una lite che – questa la tesi della difesa – sarebbe esplosa dopo ripetute provocazioni da parte del lavoratore verso il principale.
Il consulente tecnico del Tribunale dott. Enrico Bessone ha sostenuto che l’imputato era in grado di comprendere le conseguenze delle proprie azioni.
«Il mio assistito – ha commentato l’avvocato di parte civile Roberto Ponzio – ha subìto danni gravi e permanenti a seguito di una condotta chiaramente di tipo omicida».

Contatta l'autore

Redazione Corriere

Potete contattare la Redazione del Corriere allo 0173/284077 il Lunedì dalle 9 alle 12, dal martedì al venerdì dalle 9 alle 18 (orario continuato) e al sabato dalle 9 alle 12. Potete inviare una mail a web@ilcorriere.net

Ti potrebbero interessare anche:

Apri chat